oggi Giovedì, 23 Nov 2017
->     Home Articoli di Giornale Processo «Plasma infetto», subito rinvio Dolore e lacrime, assente Poggiolini
Processo «Plasma infetto», subito rinvio Dolore e lacrime, assente Poggiolini

Se ne riparla il 22 dicembre. Parenti delle vittime di trasfusioni manifestano con cartelli al tribunale

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

NAPOLI - La prima seduta dell'udienza preliminare presso il Tribunale di Napoli del caso «Plasma infetto» si è chiusa subito con un aggiornamento al 22 dicembre. Il rinvio si è reso necessario per il difetto di notifica ad alcune delle parti ed ad alcuni degli imputati, undici in totale, tra i quali Duilio Poggiolini - assente in aula -, Guelfo Marcucci ed altri sei dirigenti ed ex dirigenti del gruppo farmaceutico.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

In aula, un legale dell’avvocatura distrettuale dello Stato, che ha annunciato la richiesta di costituzione di parte civile del ministero della Salute nei confronti di Poggiolini e del gruppo Marcucci.

LA VICENDA - All'ingresso del Palazzo di giustizia era folto, e munito di cartelli di denuncia, il gruppo formato da emofilici e parenti delle vittime del plasma infetto: hanno esposto fotografie in bianco e nero di amici e parenti deceduti negli anni scorsi; tutti vittime delle trasfusioni con sangue infetto che contrassero il virus Hiv e l’epatite C usando prodotti farmaceutici «salvavita» . Il pm della Procura di Napoli Gloria Sanseverino ha formulato a carico degli imputati l’accusa di omicidio colposo plurimo aggravato dalla previsione dell’evento e dall’abuso di pubblici poteri. Il processo «plasma infetto» si era aperto nel 2002 a Trento, ma l’8 aprile 2003, per l’ impossibilità di stabilire dove sia avvenuto il primo decesso, gli atti furono trasmessi al Tribunale di Napoli, cioè nel luogo in cui ha sede l’ufficio del pm che per primo ha iscritto la notizia di reato.


12 novembre 2008

da http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/ (l'originale lo potete leggere qui)

 

NewsLetter

Newsletter